RBP Web Radio Podcast

Crea la tua web radio o il tuo podcast partendo da zero

I Podcast audio sempre più popolari anche in Italia

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedin

Ciao a tutti,

oggi ritorno a parlare dei podcast audio, che stanno diventando sempre più popolari in Italia. Potrebbe sembrare un paradosso, in un’epoca come la nostra, dominata dalle immagini. E, invece, pian piano, i podcast si stanno ritagliando uno spazio di tutto rispetto nelle attenzioni del pubblico, complice anche la vita frenetica che facciamo e i tanti spostamenti, soprattutto sui mezzi pubblici, dove sempre più frequentemente si vedono persone con le cuffie in testa, ma anche in molti uffici, dove le cuffie diventano una barriera contro il frastuono dei colleghi.

Come sempre, gli italiani arrivano in ritardo: negli Stati Uniti, dove i podcast sono popolari da oltre 10 anni, si stima che gli investimenti pubblicitari dedicati a questo mezzo quest’anno arriveranno a ben 300 milioni di Dollari.

Meglio tardi che mai, è proprio il caso di dirlo.

Quali sono i vantaggi di creare un podcast, rispetto ad aprire una web radio che fa streaming 24 ore su 24? Ne ho già accennato anche in passato, ma in questo articolo entrerò più nei dettagli.

VANTAGGI DI CREARE UN PODCAST INVECE CHE UNA WEB RADIO

  1. E’ UN MEZZO PERFETTO PER GLI SMARTPHONE

    Si può scaricare un podcast a casa, con una connessione WIFI, e poi ascoltarlo durante gli spostamenti, senza consumare dati, a differenza della web radio che fa consumare dati e, spesso, ha dei blocchi o dei buffer, dovuti alla perdita di connessione in mobilità

  2. CREA UN FORTE LEGAME CON GLI ASCOLTATORI

    Ascoltare la voce di qualcuno è diverso dal leggere un articolo scritto in un Blog, ci si sente molto più partecipi

  3. SI POSSONO DARE TANTE INFORMAZIONI IN POCO TEMPO

    Lo vedo con il mio Web Radio Podcast: in una puntata di 20-30 minuti riesco a dare un sacco di informazioni e di approfondimenti che non trovano spazio negli stessi articoli scritti nel Blog

  4. SI PUO’ ASCOLTARE QUANDO SI VUOLE

    La web radio in live streaming presuppone che una persona si colleghi ad una certa ora per ascoltare il vostro programma. Viceversa, col podcast, l’ascoltatore non è più legato a vincoli di orario, scarica l’episodio e se lo ascolta quando vuole

  5. MERCATO PODCAST FINALMENTE IN CRESCITA ANCHE IN ITALIA

    Come dicevo prima, finalmente anche gli italiani iniziano ad ascoltare i podcast. E’ il momento giusto per creare un podcast, già ce ne sono tanti, ma il mercato è ancora aperto

  6. E’ POSSIBILE FARSI SPONSORIZZARE

    Mentre le web radio personali iscritte a SIAE ed SCF, nonostante paghino fior di quattrini per le licenze, NON possono mettere in onda nessun tipo di pubblicità, non solo nel flusso audio, ma nemmeno nel sito sotto forma di banner, se create un podcast potete tranquillamente cercarvi degli sponsors. Sottinteso, che qui sto parlando di podcast PARLATI, senza contenuto musicale.

  7. INTEGRAZIONE CON I SOCIAL NETWORKS

    Una volta che avete preparato il vostro nuovo episodio, potete caricarlo su varie piattaforme, come Mixcloud o Spreaker, e condividerlo facilmente sui social networks. In alcuni casi è possibile automatizzare il processo: nel momento in cui caricate la nuova puntata, viene condivisa automaticamente sui social, senza bisogno di perdere tempo

  8. SI RISPARMIA UN SACCO DI TEMPO

    Mentre curare la messa in onda e creare i contenuti di una web radio è un lavoro a tempo pieno, non retribuito, la preparazione di un podcast richiede molto meno tempo. Potete decidere voi se farlo quotidiano, settimanale, mensile o la frequenza che più vi aggrada. Se la durata del podcast è di 1 ora, ci vorranno 2-3 ore per confezionarlo, certo meno tempo che quello da dedicare ad una web radio

  9. E’ DIVERTENTE

    Non so a voi, ma a me parlare con la gente piace tantissimo e mi diverto ogni volta che preparo una nuova puntata del mio podcast

Dopo aver scritto quest’articolo, io stesso sono fortemente tentato di chiudere tutte le mie web radio e di dedicarmi solo ai podcast 🙂  Che ne dite?

In un prossimo articolo, vi spiegherò come creare un podcast. Stay tuned.

Referenze:
http://www.lastampa.it/2018/02/01/speciali/podlast/ascolta-il-giornale-con-podlast-oltre-i-confini-della-carta-WJIBsaKLIxAO97ew2SUojP/pagina.html

Roberto

P.S. il nuovo sponsor del mio WEB RADIO PODCAST è la Gelateria VIEL di Corso Buenos Aires 15 a Milano. Ringrazio Silvia Viel per aver creduto in me e anche perchè fa il gelato migliore della città!

.

Web Radio Podcast di Roberto Bocchetti è sulla piattaforma Spreaker

Web Radio Podcast di Roberto Bocchetti è sulla piattaforma Spreaker

 

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

MUSICA IN ONDA: I brani in onda sulle web radio proposte ai visitatori del sito sono rilasciati sotto licenze Creative Commons / Copyleft o di pubblico dominio. Può capitare che alcuni artisti rilasciano inizialmente sotto licenze Creative Commons e poi, quando diventano più conosciuti, passano a società di gestione dei diritti, come ad esempio la SIAE. Poichè è oggettivamente impossibile verificare giorno per giorno queste situazioni, se riscontrate brani in onda che non sono più Creative Commons, per favore segnalatemelo via mail a: webradioroberto (at) gmail.com , in modo che possa rimuoverli dalla programmazione. Grazie.

LINKS ESTERNI: I collegamenti esterni sono presenti in questo sito in quanto di possibile utilità per gli utenti. Ciò non implica, tuttavia, da parte di questo sito una verifica della completezza e correttezza delle informazioni in essi contenute.

EMBEDDING / FRAMING: per quanto riguarda l’embedding / framing di contenuti audio/video in questo sito, ci si attiene a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia UE. Il solo fatto che un’opera protetta, liberamente disponibile su un sito Internet, venga inserita in un altro sito Internet mediante un collegamento utilizzando la tecnica dell’”inclusione” (framing) non può essere qualificata come “comunicazione al pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1, Direttiva 2001/29/CE dal momento che l’opera non è trasmessa ad un pubblico nuovo né comunicata secondo una modalità tecnica specifica diversa da quella della comunicazione originale (Ordinanza 21/10/2014, n. C-348/13 della Corte di Giustizia Europea – vedi anche Sentenza 13/02/2014, n. C-466/12 della Stessa).

RBP Web Radio Design by Roberto Bocchetti - C.F. BCCRRT68M07F205C © 2017 Frontier Theme