Utilizzate un indirizzo https permanente per il flusso audio della vostra web radio

L’indirizzo IP del flusso della vostra web radio è un po’ come un numero di telefono. Se cambiate fornitore di servizi streaming nel corso del tempo, vi viene assegnato ogni volta un nuovo indirizzo IP, il che comporta una faticaccia e un sacco di tempo perso per comunicarlo a tutti i vostri ascoltatori e agli aggregatori di web radio nei quali vi siete registrati.

L’indirizzo https permanente per il flusso audio della vostra web radio (SSL Secure Link) vi permette di cambiare fornitore di servizi streaming quando volete, mantenendo sempre il vostro indirizzo IP, e togliendovi una buona parte dei problemi.

Il mio consiglio è di acquistarlo da Relia Stream, lo stesso dove l’ho acquistato io, che offre un prezzo vantaggioso di 4,65 US$ al mese per ogni stazione.

Credetemi, saranno soldi ben spesi!

Per acquistarlo, andate nel sito di Relia Stream e scegliete l’opzione SSL Secure Link nella sezione Apps – Players – SSL (ved. schermata qui sotto).

 

Relia Stream SSL Secure Link

Relia Stream SSL Secure Link

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

MUSICA IN ONDA: Licenza Jamendo Licensing. L'ascolto della web radio RBP Demo/Test è riservato ai privati. E' vietata la riproduzione in locali pubblici senza mia preventiva autorizzazione scritta.

LINKS ESTERNI: I collegamenti esterni sono presenti in questo sito in quanto di possibile utilità per gli utenti. Ciò non implica, tuttavia, da parte di questo sito una verifica della completezza e correttezza delle informazioni in essi contenute.

EMBEDDING / FRAMING: per quanto riguarda l’embedding / framing di contenuti audio/video in questo sito, ci si attiene a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia UE. Il solo fatto che un’opera protetta, liberamente disponibile su un sito Internet, venga inserita in un altro sito Internet mediante un collegamento utilizzando la tecnica dell’”inclusione” (framing) non può essere qualificata come “comunicazione al pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1, Direttiva 2001/29/CE dal momento che l’opera non è trasmessa ad un pubblico nuovo né comunicata secondo una modalità tecnica specifica diversa da quella della comunicazione originale (Ordinanza 21/10/2014, n. C-348/13 della Corte di Giustizia Europea – vedi anche Sentenza 13/02/2014, n. C-466/12 della Stessa).