Il Giappone si prepara alla chiusura delle Onde Medie

Tredici compagnie radiofoniche private in Giappone stanno esaminando cosa significherebbe una transizione completa alla FM – o la chiusuraper i loro servizi AM. Le emittenti approfittano di una politica annunciata l’anno scorso dal Ministero giapponese degli Affari Interni e delle Comunicazioni che consente loro di sospendere le operazioni per un periodo massimo di un anno.

La prima ondata di stazioni ha iniziato a oscurarsi il 1 febbraio 2024 e la maggior parte prevede di non essere in onda fino al 31 gennaio 2025. In totale, 34 stazioni AM gestite dalle 13 società chiuderanno almeno per una parte. dell’anno.

L’emittente pubblica giapponese NHK non partecipa alla sospensione AM.

Durante il periodo di sospensione, le emittenti dovrebbero rendere disponibile la propria programmazione tramite FM, televisione via cavo, distribuzione Internet o altri metodi. A quattro stazioni AM in aree che non potevano essere adeguatamente servite con mezzi alternativi non è stato consentito di sospendere le operazioni.

In rosso le stazioni radiofoniche in Onde Medie che hanno interrotto le trasmissioni, o lo faranno nel corso dell'anno

In rosso le stazioni radiofoniche in Onde Medie che hanno interrotto le trasmissioni, o lo faranno nel corso dell’anno

 

Il Ministero dell’Interno e delle Comunicazioni stabilisce la misura di sospensione dell’AM al fine di verificare l’impatto della disattivazione dell’AM su emittenti e ascoltatori. Il ministero ha osservato che i costi di mantenimento dei servizi AM sono sempre più difficili per le emittenti private, portandole a considerare la conversione delle loro operazioni in FM o semplicemente la chiusura.

La fine della misura di sospensione coincide con il ciclo di rinnovo della licenza per le emittenti AM e, secondo quanto riportato da Japan Today, “spetterà a ciascuna azienda decidere cosa fare”.

Dal 2014, il Giappone ha concesso in licenza nuove stazioni FM nella porzione da 90,0 a 94,9 MHz della banda VHF II lasciata libera dopo la transizione alla televisione digitale. (Tradizionalmente, la radio FM in Giappone funziona tra 76,1 e 89,9 MHz.) Denominati “Wide FM”, i canali a banda estesa sono stati utilizzati per “stazioni di rilancio FM gratuite” che fungono da ripetitori per le stazioni AM per aiutare a contrastare i problemi di copertura in aree urbane, regioni montuose, resilienza ai disastri e aree soggette a interferenze da trasmissioni straniere.

Nel considerare quale impatto potrebbe avere la perdita dell’AM durante un’emergenza, il ministero ha esaminato il terremoto del 1° gennaio 2024 nella penisola di Noto. L’evento da 7,5 Mw ha temporaneamente sospeso tre stazioni FM e una AM. La stazione AM Waijima di Hokuriku Broadcasting è rimasta inattiva per tre giorni, rispetto alle stazioni FM che sono rimaste spente per un periodo da uno a 22 giorni.

Durante il periodo di sospensione, il ministero gestisce un help desk per raccogliere commenti dal pubblico e da altre parti interessate sulla sospensione dell’AM.

 

https://www.radioworld.com/global/japanese-am-stations-begin-suspensions

Alcuni contenuti del mio sito sono riservati agli abbonati. Una donazione di 29,90 Euro una tantum permetterà a te di avere accesso a tutti i contenuti del sito per sempre e aiuterà me ad avere i soldi per continuare la divulgazione della web radio in Italia. Grazie.

Lascia un commento