I podcast sono sempre più popolari, scopri le migliori piattaforme per la creazione e la distribuzione di contenuti audio

La crescita dei podcast sembra inarrestabile. Questo mezzo di comunicazione “ibrido”, a metà strada fra un audio diario e un programma radiofonico pre-registrato, dispone di innumerevoli vantaggi che ne hanno decretato il successo.

La data di nascita esatta dei primi podcast è incerta, però il nome “podcast” viene citato una volta in un articolo del popolare quotidiano britannico “The Guardian”, a firma Ben Hammersley, il 12 Febbraio 2004.

Il nome Podcast – ricordiamo – nasce dall’unione delle parole iPod con cast (trasmissione) = podcast.

Questo perchè, in origine, il principale strumento per la fruizione dei podcast era l’iPod di Apple. Ovviamente, essendo i podcast dei semplici file audio (di solito in formato mp3), non solo l’iPod ma tutti i player mp3 erano in grado di riprodurre i podcast.

Diciamo che Apple ha il merito di averli resi popolari e facilmente fruibili dal grande pubblico integrandoli nel suo più popolare prodotto: iTunes, in una sorta di “catalogo” suddiviso per categorie.

Da allora, 16 anni dopo, ne è passata di acqua sotto i ponti…..

Sono sempre di più le persone che ascoltano i podcast, secondo le ultime ricerche.

I principali vantaggi del Podcast come mezzo di comunicazione – per i creatori di contenuti – sono:

  • Costi bassi – Non serve un’attrezzatura supersofisticata o costosa, può bastare anche un semplice smartphone
  • Minor tempo – Rispetto ad una web radio operante 24 ore su 24, il podcast richiede molto meno tempo per la realizzazione e la distribuzione
  • Distribuzione mirata – Il podcast permette una distribuzione più mirata verso persone interessate ai vostri contenuti
  • Fidelizzazione – il podcast si presta per i brand che vogliono aumentare la fidelizzazione dei clienti.

I vantaggi del podcast per gli ascoltatori:

  • Fruizione libera – Gli ascoltatori sono svincolati da giorni/orari di messa in onda e possono scegliere quando ascoltare i podcast
  • Ascolto offline – I podcast possono essere ascoltati in modalità streaming online, oppure scaricati per un ascolto successivo offline.

Andiamo adesso a scoprire le principali piattaforme per creazione, distribuzione e monetizzazione dei nostri podcast audio:

Spreaker

Spreaker

Spreaker – “una piattaforma unica dedicata al podcasting, dove potrai creare, diffondere e monetizzare i tuoi contenuti. Raccontare la tua storia ed entrare nel mondo del podcasting non è mai stato così semplice”.

Spreaker propone differenti piani di abbonamento mensili, a partire da un piano mensile gratuito – ideale per chi vuole prendere confidenza con il mezzo podcast – con funzionalità limitate: massima durata per episodio 15 minuti, spazio massimo di archiviazione 5 ore.

Il piano di Spreaker più acquistato dagli utenti si chiama “Broadcaster” e costa 20 Euro al mese. Tra l’altro, è anche il piano che ho sottoscritto io.

Il piano Broadcast di Spreaker mette a disposizione 500 ore di archiviazione e durata massima per episodio di 3 ore.

Mixcloud

Mixcloud

Mixcloud – si annuncia come una community per unire i creatori di contenuti con i propri fans, soprattutto in questo periodo dove i contatti diretti col pubblico sono ridotti e la maggior parte degli eventi vengono cancellati.

Mixcloud si rivolge principalmente a DJ, web radio, artisti e label.

Permette di distribuire i propri contenuti gratuitamente.

Mixcloud offre anche un piano a pagamento, denominato Mixcloud Premium, per lo streaming audio/video LIVE, al prezzo di 11 Euro al mese.

Mixcloud propone anche strumenti per monetizzare il proprio canale, incluso abbonamenti a pagamento per i fans, che possono aiutarvi in questo difficile periodo.

iTunes

iTunes

iTunes – è stata per anni la piattaforma di riferimento per i podcast, finchè Apple ha detto addio ad iTunes, sostituendolo con Apple Music.

iTunes permette ancora di uploadare e distribuire i propri contenuti, anche se la distribuzione “in un click” offerta da Spreaker per distribuire su tante piattaforme (inclusa iTunes) è imbattibile.

Anchor

Anchor

AnchorAnchor è la nuova piattaforma “tutto-in-uno” di Spotify dove puoi “creare, distribuire e monetizzare i tuoi podcast da ogni dispositivo, gratuitamente”.

Anchor sarà oggetto di un prossimo articolo. Stay tuned.

Avete provato queste piattaforme? Come vi trovate? Fatemi sapere nei commenti 🙂

 

Alcuni contenuti del mio sito sono riservati agli abbonati. Una donazione di 19,90 Euro permetterà a te di avere accesso a tutti i contenuti del sito per sempre e aiuterà me ad avere i soldi per continuare la divulgazione della web radio in Italia. Grazie.