Facebook fa il restyling e rivaluta i Gruppi

Facebook fa un restyling e abbandona il tradizionale colore blu che ha accompagnato il social network fin dalla sua nascita, ponendo (nuovamente) enfasi sui Gruppi, che adesso saranno al centro del sistema.

Un cambiamento di rotta, visto che finora Facebook premeva per far costruire le pagine a scapito dei Gruppi, mentre adesso ha capovolto la situazione.

Un ennesimo grattacapo per gli editori delle piccole web radio che spesso lavorano da soli e devono occuparsi di tutti gli aspetti della radio, dalla parte tecnica alle scelte musicali, dal marketing ai social networks.

Un’ennesima “perdita di tempo“, aggiungerei io, visto che – almeno nella mia esperienza – i social networks come Facebook, Twitter, Instagram e il defunto Google+ non hanno MAI portato un vero ascoltatore alle mie web radio.

Infatti, ultimamente, li ho quasi del tutto abbandonati.

 

Cambio di tendenza per Facebook: adesso preferisce i Gruppi alle Pagine

Cambio di tendenza per Facebook: adesso preferisce i Gruppi alle Pagine

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

MUSICA IN ONDA: Licenza Jamendo Licensing. L'ascolto della web radio RBP Demo/Test è riservato ai privati. E' vietata la riproduzione in locali pubblici senza mia preventiva autorizzazione scritta.

LINKS ESTERNI: I collegamenti esterni sono presenti in questo sito in quanto di possibile utilità per gli utenti. Ciò non implica, tuttavia, da parte di questo sito una verifica della completezza e correttezza delle informazioni in essi contenute.

EMBEDDING / FRAMING: per quanto riguarda l’embedding / framing di contenuti audio/video in questo sito, ci si attiene a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia UE. Il solo fatto che un’opera protetta, liberamente disponibile su un sito Internet, venga inserita in un altro sito Internet mediante un collegamento utilizzando la tecnica dell’”inclusione” (framing) non può essere qualificata come “comunicazione al pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1, Direttiva 2001/29/CE dal momento che l’opera non è trasmessa ad un pubblico nuovo né comunicata secondo una modalità tecnica specifica diversa da quella della comunicazione originale (Ordinanza 21/10/2014, n. C-348/13 della Corte di Giustizia Europea – vedi anche Sentenza 13/02/2014, n. C-466/12 della Stessa).