Radio LIFEGATE abbandona totalmente la Modulazione di Frequenza, a favore del DAB+ e del web

L’emittente radiofonica LIFEGATE abbandona anche in Lombardia la trasmissione in modulazione di Frequenza.

Come scritto in un comunicato pubblicato sul sito della stazione radiofonica milanese, dal prossimo 29 Febbraio sulla frequenza 105.100 MHz, non ci saranno più i programmi di Radio Lifegate, che trasloca sulla radio digitale in DAB+.

Al suo posto in FM sarà collegata l’interregionale RADIO BRUNO, già presente in Lombardia sugli 87.700 MHz

COMUNICATO LIFEGATE

Il prossimo 29 febbraio, LifeGate Radio transita dalla storica frequenza 105.100 al sistema DAB+. All’insegna di innovazione e sostenibilità.

Oggi parliamo di noi, della nostra voglia di essere sempre un po’ proiettati verso il futuro che immaginiamo e che sogniamo da quando abbiamo iniziato la nostra avventura nel lontano 2001: più sostenibile e con un numero sempre maggiore di persone consapevoli e attente all’ambiente e al clima. Anche grazie allo sviluppo delle tecnologie digitali. Questa tendenza verso l’innovazione come segno positivo dei nostri tempi ha sempre contraddistinto noi di LifeGate.

Per questo, per LifeGate Radio, abbiamo scelto di continuare la transizione verso il DAB, acronimo che sta per Digital Audio Broadcasting: dopo lo spegnimento delle frequenze FM di Roma e Torino e relativo passaggio alla nuova tecnologia, anche la storica frequenza FM lombarda 105.10 sarà sostituita interamente con la copertura digitale a partire dal prossimo 29 febbraio 2024.

Partner di LifeGate in questo processo è la prima struttura italiana di consulenza in ambito mediatico Consultmedia.

Innovativi, sempre e da sempre. siamo tristi per questo “abbandono”?

Forse un po’ sì, perché quella frequenza è stata parte di noi – e di voi – per molto tempo. Ma come afferma il nostro Ceo, Enea Roveda,“Il coraggio e la lungimiranza guidano le nostre scelte in favore di soluzioni innovative che migliorano la qualità dell’offerta e rispettano i principi di sostenibilità. Con un ulteriore passaggio dall’analogico al digitale, anticipiamo quello che nei prossimi anni diventerà una regola, in favore di una soluzione che permette di arrivare a molte più persone, riducendo la produzione di CO2”.

“Il passaggio al DAB è una naturale evoluzione verso una tecnologia più pulita ed efficiente. Sostenibilità e innovazione sono valori che ci accompagnano da sempre e per la radio abbiamo scelto di anticipare i tempi per ridurre al massimo il nostro impatto ambientale, raggiungendo un numero sempre più alto di ascoltatori. Quello che non cambia è la passione che mettiamo in ogni nostra azione per tutelare l’ambiente, un impegno doveroso per le future generazioni. Il cambiamento in tutte le sue forme è crescita per il bene di tutti e del nostro Pianeta”, precisa Simona Roveda, Direttrice comunicazione ed editoriale LifeGate.

LifeGate Radio in DAB in 10 regioni, online in tutto il mondo.

Grazie a questa transizione, infatti, la musica e le voci di LifeGate Radio arriveranno nelle principali città di ben dieci regioni italiane, più della metà della penisola.

Mentre con l’online e l’on-demand, si arriva già in tutto il mondo.

Lo ricorda Giacomo De Poli, direttore artistico della radio: “Da qualche anno abbiamo creato online 4 canali tematici musicali diversi e abbiamo implementato una produzione di playlist e podcast, che si possono ascoltare ovunque su tutte le piattaforme di streaming, che completano la nostra proposta informativa e ci consentono di sperimentare con nuove forme narrative e con il sound design”.

https://www.lifegate.it/it/lifegate-radio-passa-al-dab-lombardia

LIFEGATE Radio abbandona completamente la banda FM, a favore delle trasmissioni in DAB+ e WEB

LIFEGATE Radio abbandona completamente la banda FM, a favore delle trasmissioni in DAB+ e WEB

Alcuni contenuti del mio sito sono riservati agli abbonati. Una donazione di 29,90 Euro una tantum permetterà a te di avere accesso a tutti i contenuti del sito per sempre e aiuterà me ad avere i soldi per continuare la divulgazione della web radio in Italia. Grazie.