Categorie
Creare una web radio

Addio alla radio FM sugli smartphone, lo impone la legge

O tutto o niente. Questa frase riassume ciò che viene imposto dal Decreto Sblocca Cantieri che – al di là delle questioni legate a opere edili e appalti – stabilisce che tutti i dispositivi dotati di radio FM devono poter ricevere anche i servizi della radio digitale DAB+.

Una questione controversa che va avanti da oltre un anno. Se per le radio classiche, l’obbligo di vendere prodotti con tali caratteristiche è scattato già da inizio anno; ai produttori di smartphone è stato dato tempo fino al 31 dicembre 2020 con l’obbligo di non poter più vendere dispositivi privi di ricezione DAB+ dal 1° gennaio 2021.

Il problema è che non esiste uno smartphone in grado di supportare tale tecnologia e la ricezione dei servizi della radio digitale, in quanto non è integrato il sintonizzatore dedicato.

Questa ulteriore componentistica non c’è e serve anche la presenza del jack audio da 3,5 mm, elemento ormai raro sugli smartphone di fascia alta ma che continua a resistere su dispositivi di fascia più bassa. In questo caso, la soluzione per i produttori è quello di disabilitare la radio FM.

A dare il via a questo processo è Samsung che sta rilasciando un aggiornamento per i suoi smartphone con cui viene rimossa la funzione Radio FM. Molto probabilmente, altri produttori seguiranno il colosso di Seul per adeguarsi alle norme italiane. La situazione però potrebbe cambiare nei prossimi mesi in quanto la normativa italiana va nella direzione opposta rispetto alla direttiva europea sulle comunicazione elettroniche che considera la radio FM negli smartphone come un elemento accessorio. Questo potrebbe invalidare la legge italiana e lasciare liberi produttori e rivenditori di vendere dispositivi dotati di sola radio FM.

La questione apre il dibattito su quanto effettivamente la radio venga utilizzata sugli smartphone, ora che abbiamo a disposizione app di streaming e altri servizi complementari. Tuttavia, la radio potrebbe rappresentare l’unico mezzo di comunicazione in caso di disastri naturali. È probabilmente questa la caratteristica da non dimenticare!