Che fine ha fatto il festival RadioCity Milano?

Ciao a tutti,

in questo periodo dell’anno (fine maggio-inizio giugno) eravamo abituati allo svolgimento del festival RadioCity Milano – il festival della radio – che nel 2018 si era tenuto nella sede di Piazza del Cannone, Castello Sforzesco, dopo aver lasciato Piazza Gae Aulenti e Unicredit Pavilion, dove si era tenuto negli anni precedenti.

 

Roberto Bocchetti al RadioCity Milano 2017 con lo staff di R23

Roberto Bocchetti al RadioCity Milano 2017 con lo staff di R23

 

E l’edizione 2019, annunciata per le date 31 maggio-2 giugno, sempre al Castello Sforzesco, che fine ha fatto?

Gli organizzatori non hanno dato motivazioni precise per la cancellazione o lo slittamento di date, sul loro sito si legge solo che

Le grandi rivoluzioni hanno sempre bisogno di tempo.

Per realizzare l’edizione di Radiocity che abbiamo in mente ci serve qualche mese in più.

Restate sintonizzati per conoscere la data del nostro ritorno.

Spero che il RadioCity Milano ritorni, anche perchè è un evento al quale sono particolarmente affezionato, avendo partecipato fin dalla prima edizione o come visitatore o come espositore.

Vi terrò aggiornati sugli sviluppi.

Roberto

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

MUSICA IN ONDA: Licenza Jamendo Licensing. L'ascolto della web radio RBP Demo/Test è riservato ai privati. E' vietata la riproduzione in locali pubblici senza mia preventiva autorizzazione scritta.

LINKS ESTERNI: I collegamenti esterni sono presenti in questo sito in quanto di possibile utilità per gli utenti. Ciò non implica, tuttavia, da parte di questo sito una verifica della completezza e correttezza delle informazioni in essi contenute.

EMBEDDING / FRAMING: per quanto riguarda l’embedding / framing di contenuti audio/video in questo sito, ci si attiene a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia UE. Il solo fatto che un’opera protetta, liberamente disponibile su un sito Internet, venga inserita in un altro sito Internet mediante un collegamento utilizzando la tecnica dell’”inclusione” (framing) non può essere qualificata come “comunicazione al pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1, Direttiva 2001/29/CE dal momento che l’opera non è trasmessa ad un pubblico nuovo né comunicata secondo una modalità tecnica specifica diversa da quella della comunicazione originale (Ordinanza 21/10/2014, n. C-348/13 della Corte di Giustizia Europea – vedi anche Sentenza 13/02/2014, n. C-466/12 della Stessa).