Chiude il Free Music Archive FMA

Una brutta notizia per tutti gli appassionati di musica libera e per le tante web radio che utilizzano brani presi da FMA (Free Music Archive) per la messa in onda.

A causa di mancanza di fondi, infatti, il Free Music Archive (FMAchiude a fine Novembre 2018.

Il futuro di questo grande archivio di musica Creative Commons – creato nell’aprile 2009 – è incerto. Mi auguro che si troveranno presto dei donatori disposti a finanziare questa importante risorsa culturale.

Intanto, per non perdere tutto il materiale, i curatori hanno comunque reso disponibile un backup delle tracce nel sito Archive.org a questo indirizzo: https://archive.org/details/freemusicarchive

 

Free Music Archive FMA propone musica di pubblico dominio o rilasciata sotto licenze Creative Commons

Free Music Archive FMA propone musica di pubblico dominio o rilasciata sotto licenze Creative Commons

 

Articolo originale che annuncia la chiusura del FREE MUSIC ARCHIVE (FMA):
http://freemusicarchive.org/member/cheyenne_h/blog/Big_Changes_Ahead_for_FMA

Facebooktwitterredditpinterestlinkedin

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

MUSICA IN ONDA: Licenza Jamendo Licensing. L'ascolto della web radio RBP Demo/Test è riservato ai privati. E' vietata la riproduzione in locali pubblici senza mia preventiva autorizzazione scritta.

LINKS ESTERNI: I collegamenti esterni sono presenti in questo sito in quanto di possibile utilità per gli utenti. Ciò non implica, tuttavia, da parte di questo sito una verifica della completezza e correttezza delle informazioni in essi contenute.

EMBEDDING / FRAMING: per quanto riguarda l’embedding / framing di contenuti audio/video in questo sito, ci si attiene a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia UE. Il solo fatto che un’opera protetta, liberamente disponibile su un sito Internet, venga inserita in un altro sito Internet mediante un collegamento utilizzando la tecnica dell’”inclusione” (framing) non può essere qualificata come “comunicazione al pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1, Direttiva 2001/29/CE dal momento che l’opera non è trasmessa ad un pubblico nuovo né comunicata secondo una modalità tecnica specifica diversa da quella della comunicazione originale (Ordinanza 21/10/2014, n. C-348/13 della Corte di Giustizia Europea – vedi anche Sentenza 13/02/2014, n. C-466/12 della Stessa).