Milano Lounge : musica per affrontare lo stress del lockdown da Coronavirus

Milano Lounge è diventata la radio online più ascoltata di format Chillout, Lounge, Deep House & Musica Elettronica, grazie alla sua accurata selezione musicale non-stop e ai pochissimi interventi parlati. La musica giusta per affrontare lo stress da lockdown.

E’ un’emittente con una programmazione molto selettiva: tutti i brani vengono ascoltati uno per uno e scelti attentamente per creare un’atmosfera unica che permette agli ascoltatori di viaggiare con la mente, cosa ancora più importante in questo periodo cupo, in cui ancora non sappiamo se, quando e in che modo saremo in grado di fare di nuovo una vera vacanza o ritrovarci a bere un aperitivo.

Milano Lounge cerca di creare dei piccoli viaggi sonori, attraverso suoni sofisticati dal cuore di Milano (come recita il claim della radio) e tanto spazio ad artisti pressochè sconosciuti, che non trovano spazio nei palinsesti delle comuni radio FM, ormai piuttosto omologati fra loro.

La programmazione è composta al 50% da brani solo strumentali e il rimanente 50% da brani cantati, con nuove tracce aggiunte quotidianamente.

E poi, ogni sera alle 18, Milano Lounge propone gli show con i dj set più esclusivi di grandi nomi internazionali come Michael Maretimo, Marco Esposito, Swamy DJ, Stevie G e altri ancora, ciascuno con la massima libertà di espressione nella scelta delle tracce, dal momento che Milano Lounge è finanziata interamente dal suo creatore e factotum Roberto Bocchetti e dalle donazioni degli ascoltatori e quindi non deve obbedire a logiche di mercato, inserzionisti o case discografiche.

“Devo ringraziare Milano Lounge, che mi ha permesso di impegnare il mio tempo in questo periodo di lockdown, scegliendo le canzoni da aggiungere nella nostra rotazione musicale e creando nuovi jingles” rivela Roberto “e sono anche grato ai nostri ascoltatori, che sono davvero molto attenti, ci scrivono quotidianamente parole di incoraggiamento e supporto, mandano donazioni, suggeriscono brani da inserire in programmazione, qualcuno ci ha anche mandato dei video della propria famiglia che balla ascoltando Milano Lounge in quarantena, mentre un pittore californiano dipinge ispirato dalla nostra musica. Queste sono le mie soddisfazioni, che vanno al di là del discorso economico”.

“Quando ho inaugurato Milano Lounge nel 2015 non pensavo davvero che potesse diventare così popolare ed ascoltata, adoro il filo diretto con gli ascoltatori”.

Milano Lounge è disponibile gratuitamente in streaming illimitato su tutti i dispositivi, attraverso il sito milanolounge.it (in Italiano e Inglese), gli assistenti vocali, Tunein, Spotify e le principali piattaforme di radio online.

Milano Lounge Radio HD solo su MilanoLoungeRadio.com

Milano Lounge Radio HD solo su MilanoLoungeRadio.com

Facebooktwitterredditpinterestlinkedin

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001.

MUSICA IN ONDA: Licenza Jamendo Licensing. L'ascolto della web radio RBP Demo/Test è riservato ai privati. E' vietata la riproduzione in locali pubblici senza mia preventiva autorizzazione scritta.

LINKS ESTERNI: I collegamenti esterni sono presenti in questo sito in quanto di possibile utilità per gli utenti. Ciò non implica, tuttavia, da parte di questo sito una verifica della completezza e correttezza delle informazioni in essi contenute.

EMBEDDING / FRAMING: per quanto riguarda l’embedding / framing di contenuti audio/video in questo sito, ci si attiene a quanto stabilito dalla Corte di Giustizia UE. Il solo fatto che un’opera protetta, liberamente disponibile su un sito Internet, venga inserita in un altro sito Internet mediante un collegamento utilizzando la tecnica dell’”inclusione” (framing) non può essere qualificata come “comunicazione al pubblico” ai sensi dell’art. 3, par. 1, Direttiva 2001/29/CE dal momento che l’opera non è trasmessa ad un pubblico nuovo né comunicata secondo una modalità tecnica specifica diversa da quella della comunicazione originale (Ordinanza 21/10/2014, n. C-348/13 della Corte di Giustizia Europea – vedi anche Sentenza 13/02/2014, n. C-466/12 della Stessa).