Quale futuro per le Onde Medie in Italia?

Ciao a tutti,

per una volta non parliamo di web radio, ma andiamo alla preistoria della radio e scopriamo la banda AM (Onde Medie) che – in Italia – va da 525 a 1615 kHz, con passi di 9 kHz.

Una radio americana, dove le Onde Medie vanno da 530 a 1700 kHz, con passi da 10 kHz

Una radio americana, dove le Onde Medie vanno da 530 a 1700 kHz, con passi da 10 kHz

 

Per tanti anni la banda AM è stata utilizzata, soprattutto dalle emittenti di Stato (RAI). Mi ricordo che da bambino la domenica andavo al parco coi miei genitori e mio papà aveva una piccola radiolina attaccata all’orecchio per ascoltare “Tutto il calcio minuto per minuto”.

Poi, con lo sviluppo della banda FM, l’AM è stata progressivamente abbandonata dalle emittenti, per svariate ragioni: diminuzione degli ascoltatori, necessità di trasmettitori potentissimi e antenne gigantesche, costi di esercizio, inquinamento elettromagnetico, peggiore qualità audio (rispetto all’FM).

Nel 2015 c’era stato un certo fermento, dopo che il MISE (Ministero dello Sviluppo Economico) aveva dato il via ad una gara per assegnare le frequenze in Onde Medie, ormai abbandonate anche dalla RAI.

Apparvero articoli anche su quotidiani mainstream come “Repubblicahttps://www.repubblica.it/tecnologia/2015/11/02/news/ritorno_al_futuro_la_radio_riscopre_le_onde_medie-126467189/

o un articolo su “Il Manifesto“, anche se con alcune imprecisioni, soprattutto quando dice che la trasmissione in Onde Medie ha “bassi costi per ampi spazi” e “il processo di broadcasting Am richiede trasmettitori non particolarmente potenti e, per questo motivo, dal prezzo e dai consumi assai ridotti.”. Non è esattamente così, ma potete leggere l’articolo originale a questo link : https://ilmanifesto.it/un-medium-caldo-messo-al-bando/

Era nato anche un sito https://www.ondemedieitalia.it/ che doveva aggiornare sulla situazione, ma ha presto chiuso i battenti confluendo nel più generico http://www.bclnews.it/ , sito di appassionati di radioascolto.

Al momento, specificatamente per le Onde Medie, ho trovato un articolo di Claudio Astorri del 2018, dove si annuncia anche la nascita di OM Italiane Onde Medie Editori Riuniti, Associazione che al momento riunisce 5 editori di radio in Onde Medie, il cui sito http://omitaliane.it/ però – dopo 3 anni – risulta ancora in costruzione, mentre risultano operativi il Gruppo Facebook OMItaliane – Le nuove Onde Medie Italiane https://www.facebook.com/groups/636438856368047/user/100063696546557/, e l’omonima Pagina Facebook https://www.facebook.com/OMItaliane

 

OM Italiane, sito in costruzione

OM Italiane, sito in costruzione

 

Ma torniamo all’assegnazione delle frequenze. Alcune delle frequenze furono assegnate nel 2017, ma la complessità dei dati richiesti per un’assegnazione ha di fatto scoraggiato tutti quei piccoli soggetti che volevano utilizzare le Onde Medie per creare delle piccole street radio o radio di quartiere, e la gara ha favorito grandi gruppi con disponibilità tecniche ed economiche. Alcune delle frequenze sono andate a Monradio (Una controllata di Radio 101, a sua volta parte del gruppo Mediaset) e a Incentive Promomedia, attiva nel marketing orientato alla grande distribuzione.

Molte delle radio assegnatarie di una frequenza non hanno mai davvero acceso, oppure continuano a fare delle prove di trasmissione, probabilmente perchè le Onde Medie richiedono ampi spazi per collocare gli impianti, trasmettitori potenti e altissime antenne di trasmissione, con conseguenti alti costi di esercizio. Probabilmente dopo la prima bolletta, molte radio hanno pensato che non ne valesse la pena.

Insomma, un’occasione persa per chi – come me e come tanti altri – sognava di aprirsi la propria piccola radio in Onde Medie.

Eppure qualcuno, come l’Associazione CONNA (Coordinamento Nuove Antenne), aveva formulato una proposta che avrebbe potuto accontentare tutti i piccoli broadcaster, le associazioni, le radio di quartiere ecc. vedi link https://www.conna.it/angolo_tecnico/radiostreet_proposta.htm

A questa pagina si possono consultare i documenti del MISE con le frequenze assegnate in Onde Medie al 2019 https://www.mise.gov.it/index.php/it/per-i-media/notizie/2035019-onde-medie-a-modulazione-di-ampiezza-am-aperta-la-procedura-per-l-assegnazione-delle-frequenze

Nel frattempo, mentre la burocrazia italiana blocca ogni iniziativa, in Europa si continuano a spegnere gli impianti in Onde Medie e Onde Lunghe, come si può vedere in questa infografica che raffigura uno Studio effettuato in Europa e nel Nord Africa nel 2020 da EBU (European Broadcasting Union, l’Unione Europea dei broadcaster) sono rimasti solo 203 impianti in Onde Medie.

 

La situazione della radio nel 2021 in Europa e Nord Africa secondo uno studio di EBU

La situazione della radio nel 2021 in Europa e Nord Africa, secondo uno studio di EBU

 

In UK (Regno Unito), si spingono gli ascoltatori verso l’FM, o meglio verso il DAB+, che raggiunge ormai più del 50% della popolazione. Gli ultimi trasmettitori della BBC in Onde Medie che sono stati chiusi in ordine di tempo sono:

  • BBC Essex
    Available on 103.5 FM across Essex, and in Southend and Basildon on 95.3 FM
  • BBC Radio Cambridgeshire
    Available on 96.0 FM in and around Cambridge, and 95.7 FM in and around Peterborough
  • BBC Radio Devon
    Available on 103.4 FM across Devon, 95.8 FM in Exeter and 94.8 FM in North Devon
  • BBC Radio Leeds
    Available across West Yorkshire on 92.4 FM, 103.9 FM in West Leeds, and 102.7 FM in the Aire Valley
  • BBC Radio Sheffield
    Available on 88.6 FM in Sheffield, 94.7 FM in Chesterfield, and across South Yorkshire on 104.1 FM
  • BBC Hereford & Worcester
    Available on 104.0 FM in Worcestershire, 94.7 in Herefordshire, 104.4 FM in Redditch, and 104.6 FM in Kidderminster
  • BBC Radio Stoke
    Available on 94.6 FM across Staffordshire and 104.1 FM in Stafford
  • BBC Radio Lancashire
    Available on 103.9 FM across Central Lancashire, 95.5 FM in Blackburn, and 104.5 FM in Lancaster
  • BBC Radio Ulster and BBC Radio Foyle. Available on 92–95 FM. Also available on all TV platforms (Terrestrial, Satellite, and Cable).

E IN ITALIA?

Per il momento ho trovato un annuncio di Radio Pret-A-Porter che dichiara “Coming soon: a partire dal secondo trimestre 2021 nel Nord Italia on air in onde medie (AM)”. La frequenza dovrebbe essere AM 1602 kHz. Siamo ad Agosto 2021, ma non ho trovato traccia di questa emittente nelle Onde Medie, mentre le uniche due stazioni italiane che riesco a ricevere da casa mia (Milano zona Lambrate), uscendo sul balcone con una banalissima radiolina a transistor, sono Zai.net su 693 kHz e Rai Rete Unica Onde Medie su 900 kHz, più alcune radio straniere.

Ho scoperto poi RDE Radio Diffusione Europea, che modula su Onde Medie, frequenze 819 e 1584 kHz, ma che non ricevo da casa mia, Radio King Italia, che modula sui 711 kHz, Amica Radio Veneta, sui 1017 kHz e Radio Milano 1602 kHz, coming soon.

 

Coming soon in Onde Medie Milano 1602 kHz

Coming soon in Onde Medie Milano 1602 kHz

L'antenna di Amica Radio Veneta su AM 1017 kHz

L’antenna di Amica Radio Veneta su AM 1017 kHz

 

Restano da capire alcune cose: 1) chi possano essere gli ascoltatori di un’emittente in Onde Medie, considerato che questa banda si presta più per la trasmissione di voci che di musica, ed è prona ai disturbi di motori a scoppio, lampadine a fluorescenza, reti wifi, linee elettriche. Non parlo di smanettoni che cercano di captare le stazioni più lontane con sofisticate apparecchiature per mandare rapporti di ascolto e ricevere cartoline SQL, ma mi riferisco ad ascoltatori abituali che scelgono di sintonizzare e ascoltare una radio in Onde Medie in maniera continuativa, a casa, in ufficio o in macchina, quando tutto il mondo sembra spingere verso il digitale: DAB+ e internet radio. 2) Al di là dell’emozione di trasmettere “nell’etere”, non sarebbe più conveniente creare una web radio?

 

Sempre per rimanere aggiornati sulle Onde Medie vi segnalo il gruppo Facebook “Noi che ascoltiamo le Onde Medie“, disponibile a questo link https://www.facebook.com/NoiCheAscoltiamoLeOndeMedie/ e l’ottimo sito https://www.italradio.org/, l’Osservatorio sulla Radiofonia Internazionale in Lingua Italiana (Italradio) , un comitato senza fine di lucro che dal 1996 studia e promuove l’uso della lingua italiana nelle radio di tutto il mondo.

 

Radio in Onde Medie: quale futuro?

Radio in Onde Medie: quale futuro?

 

Infine, per chi volesse sperimentare, segnalo On The Air, micro trasmettitore da 100 mW (1/10 di Watt), acquistabile su Ebay al prezzo di 35-55 Euro (a seconda del modello).

https://www.ebay.it/itm/174251533044

 

On The Air, micro trasmettitore da 100 mW in Onde Medie

On The Air, micro trasmettitore da 100 mW in Onde Medie

Alcuni contenuti del mio sito sono riservati agli abbonati. Una donazione di 19,90 Euro permetterà a te di avere accesso a tutti i contenuti del sito per sempre e aiuterà me ad avere i soldi per continuare la divulgazione della web radio in Italia. Grazie.